“Con Scienze Politiche si rimane a casa” – Fact checking #1

By: Pier Giorgio0 comments

Condividi questo articolo!

Con la laurea in Scienze Politiche si rimane a casa? Se ne è discusso in modo molto acceso in una puntata di Non è l’Arena. Con Talents Venture abbiamo voluto effettuare un fact checking sulle due dichiarazioni degli ospiti in studio: Alberto Forchielli e Francesca Sardella.

1️⃣Alberto Forchielli: “Ho scritto libri in materia, con Scienze Politiche si rimane a casa”

Il tasso di occupazione per i laureati in Scienze Politiche è inferiore alla media nazionale (69,6%) e più basso del tasso di occupazione dei diplomati (63,6%). Tuttavia con questo titolo di laurea si lavora più che con altri.

Check Dichiarazione 1️⃣:  ⚠️ NÌ.


2️⃣Francesca Sardella: “Il lavoro non c’è per nessuno, nemmeno per chi studia Economia ed Ingegneria”

Laurearsi conviene ed è importante ribadirlo. Il premio alla laurea, determinato rispetto alle condizioni dei diplomati, è presente sia in termini di tasso di occupazione che di salario. Il tasso di occupazione è rispettivamente del 76% per i laureati in Economia e dell’84% per quelli in Ingegneria. È importante però seguire le proprie passioni e conoscere adeguatamente le richieste di laureati delle imprese italiane.

Check Dichiarazione 2️⃣: ❌ FALSO.

Interpretare i dati con cura

Come sempre, ci piace ribadire, il nostro compito in ogni caso, non è quello di penalizzare né demonizzare questo o quel percorso di studio, è opportuno anzi ribadire la dignità e l’importanza di ogni corso di laurea, qualunque esso sia. L’obiettivo è quello di offrire dei dati, il lettore sarà pienamente libero di scegliere come usarli, secondo il suo prudente giudizio. I dati cui si fa riferimento sono infatti statistiche di media. Inevitabilmente tali rilevazioni risentono di generalizzazioni e non sono in grado di rispecchiare sia il talento personale sia ogni altra peculiarità riferibile al singolo laureato, ma possono essere utilizzate come parametri generali rispetto ad un normale laureato. I dati sono sono utili perché oggettivi e sintetici dei dati, tuttavia ogni persona può e deve modellare liberamente il proprio percorso di formazione, la propria carriera lavorativa e le proprie scelte personali.

Fonte dati: rielaborazione Talents Venture su dati Istat e Consorzio Interuniversitario Almalaurea.

Condividi questo articolo!

Related post

Leave A Comment